fbpx

“Rosario della Gioia” con Croce di San Damiano e Medaglia di San Francesco e Santa Chiara – Legno d’Ulivo

14,90

Artigianato da Monasteri ti offre la possibilità di acquistare questo Rosario, realizzato a Mano e nella Preghiera.

Si compone di 7 decine + 1 medaglia di San Francesco & Santa Chiara + Crocifisso di San Damiano.

Con questo Rosario si meditano i 7 Misteri della Gioia della Beata Vergine Maria. 

La Croce di questo Rosario è conosciuta come “Croce di San Damiano” che, si racconta, parlò al giovane Francesco d’Assisi nella prima ora della sua conversione.

Il Crocifisso originale, che oggi si può vedere visitando la basilica di Santa Chiara in Assisi, era originariamente posto in una chiesa diroccata della città di Assisi dedicata a San Damiano. Era questo un luogo prediletto da Francesco ed è qui che, dopo che dal Crocifisso aveva ascoltate le parole: “Francesco va’, ripara la mia casa che come vedi è in rovina” il futuro santo inizia il suo cammino come restauratore di chiese diroccate (San Damiano prima e la Porziuncola dopo), senza poter immaginare che il Signore stesso lo chiamava a restaurare l’intera Chiesa Cattolica.

COD: ROSM2 Categorie: , ,
Share:
PREGHIERA

Come pregare questo Rosario?
O Dio, vieni a salvarmi.
Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre…

Gesù mio, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno, porta in cielo tutte le anime specialmente le più bisognose della tua misericordia.


1. Ci rallegriamo con Te, o Maria, Vergine Immacolata, per l'allegrezza che t'inondò il cuore quando, dopo l'annuncio dell'angelo Gabriele, il Verbo di Dio per opera dello Spirito Santo s'incarnò nel tuo purissimo seno, e si realizzò il disegno eterno a cui eri stata predestinata insieme con il Figlio prima della creazione del mondo.

1 Pater, 10 Ave e 1 Gloria


2. Ci rallegriamo con Te, o Maria, piena di grazia, per la consolazione che hai provato nella visita alla cugina Elisabetta, quando essa, dopo aver udito il tuo saluto, divenne profetessa e ti riconobbe vera "Madre di Dio", e Giovanni, ancora nel grembo, veniva riempito del dono dello Spirito Santo.


3. Ci rallegriamo con Te, o Maria, Tuttasanta, per quel gaudio inesprimibile che hai provato a Betlemme, quando serbando illibato il giglio della tua verginità, partoristi senza dolore il tuo divin figlio Gesù, che era venuto a portare la pace e la redenzione al mondo, e lo vedesti adorato dai pastori.

WhatsApp Clicca qui e scrivi ad artigianatodaimonasteri.it